Lo che me gusta
- Mamma hai per caso visto quella bustina di…ehm…rosmarino?
- Lascia perdere il rosmarino e vieni in cucina a vedere gli unicorni…
Tml planet (via cosanesaitu)

pelle-scura:

Quindi, riassumendo: 30 bocca, 50 ammore, 80 se rimani incinta.

Winne

Renzi: “80 euro per tre anni alle neo-mamme.” Poi potrete scegliere se continuare a tenere o meno il bambino.
(via spaam)

lantigiornalista:

Stamattina sono usciti due post sul blog di Grillo.

Uno in cui si esprimeva solidarietà alla deputata 5stelle Maria Edera Spadoni per aver ricevuto minacce mafiose. L’altra é uno stucchevole post di Casaleggio sulla fine della stampa cartacea, con un post scriptum finale in cui si espellevano 4 attivisti colpevoli di aver interrotto la scaletta del circo massimo facendo domande lecite (trasparenza dell’organizzazione, identità dello staff di Milano, certificazione degli iscritti). Ovviamente i giornali se ne sono ampiamente fregati di dare risalto alle minacce mafiose (non sia mai che notizie del genere possano creare imbarazzo a qualche mafioso e salvare la vita a qualche Peppino Impastato che non si rassegna a vivere in un paese di bastardi mafiosi) e si sono concentrati solo sul post di Casaleggio. Ovviamente solo sul post scriptum, perché la libertà di stampa in Italia va già benissimo com’é (cioè 154esimo posto).

Ci saranno già state 10 persone che mi hanno chiesto se questo é un errore o no, e che se sono onesto devo dirlo.

Certo che é un errore. E clamoroso.

É un errore perché mentre il bambino col gelato sta monopolizzando ogni trasmissione televisiva studiando a tavolino quello che dice in base alle fasce d’età e di sesso più rappresentate nel pubblico (manca solo l’annuncio di 80 caramelle a bambino durante la melevisione e l’albero azzurro, ma solo perchè i bambini non votano) Grillo e Casaleggio  cacciano 4 persone della cui presenza non si era accorto nessuno con motivazioni palesemente false .

Detto questo, ci sarà chi dirà: “ah ma allora è vero che sono fascisti/leninisti/ostracizzatori/robesperiani”.!!!!

Risposta: No. Sono solo dei polli.

In qualsiasi partito ci sono le espulsioni, sia per gli eletti che per gli attivisti fatte per i motivi più futili o abietti. Solo nel PD ce ne sono state più di 600 lo scorso anno. Un partito non è un parlamento. Si lavora insieme, e se qualcuno ti rema contro se ne deve andare. L’alternativa è creare un ammasso di gente che litiga fra loro. La differenza organizzativa degli altri partiti fa in modo che l’epurazione avvenga a livello locale e soprattutto viene fatto in silenzio. Quel genio della comunicazione di Grillo invece lo fa con un annuncio sul blog. Se li avesse cacciati senza dire niente, nessuno se ne sarebbe accorto. Perchè lo fanno allora? francamente mi sfugge il motivo. eccessiva trasparenza? eccessiva stupidità? esibizionismo? per me è masochismo.

Ecco qui un incompleto elenco degli espulsi dei partiti in stile monumento ai caduti:

EPURATI DAI PARTITI PER CUI NESSUNO SI INDIGNA

Espulsa dal Pd l’ex sindaco di AVIGLIANA, con lei vicesindaco e assessore. • Acqui Terme. Ferraris e Giglio espulsi dal Pd. • Gruppo del Partito Democratico del IV Municipio di ROMA ha deciso di espellere il consigliere Giorgio Limardi, a seguito di un ripetuto comportamento difforme alle linee del partito. • Mario Russo, Valerio Addentato e Roberto Merlini sono stati espulsi dal segretario del PD provinciale di ROMA Carlo Lucherini. • AGROPOLI. Carmine Parisi: “Cacciato dal Pd perché ho denunciato la speculazione edilizia”. • TROINA. Espulsi dal PD due consiglieri comunali, per avere votato in contrasto con le indicazioni del partito. • CASTIGGLIONE DEI LAGO. Rosanna Ghettini, Caterina Bizzarri, Giancarlo Parbuono e Ivano Lisi espulsi dal PD. • Terremoto PD ALESSANO: espulsi Cosimo Del Casale e Donato Melcarne. • PIACENZA, bufera nel Pd: espulsi i sostenitori di Renzi dall’esecutivo. Sostituiti i dirigenti con una telefonata. • RAPALLO, sono stati espulsi dal PD: Maria Cristina GERBI, Giorgio BRACALI, Alessio CUNEO, Emanuele GESINO, Maurizio Ivan MASPERO, Maria MORRESI, Giulio RIVARA. • La segreteria cittadina di ORTA NUOVA ha attivato le procedure per il deferimento del consigliere comunale Antonio Bellino alla Commissione di garanzia, alla quale sarà proposta l’espulsione dal PD per violazione dello statuto e del codice etico. • SAN MAURO TORINESE, Rudy Lazzarini espulso dal PD insieme a un nutrito gruppo di colleghi. • CASERTA. Rino Zullo è stato espulso dal PD.Carmelo Mazzola e Domenico Prisinzano sono stati espulsi dal PD di Castelbuono. • AFRAGOLA: Valentino espulso dal PD. • Sei iscritti al PD allontanati dal partito per non aver appoggiato Marini candidato sindaco a Frosinone. • Solidarietà a Paolo Dean ex sindaco di FIUMICELLO e a Rosanna Fasolo, ex assessore della giunta Dean, espulsi dal PD. • TERLIZZI. Segreteria Pd: «Espulsi dal partito Ceci, Grassi e Adamo». • AVEZZANO. Il Partito democratico ha avviato la procedura per espellere Nicola Pisegna Orlando dal partito. • ANGHIARI. Danilo Bianchi espulso dal PD.Campobello di Licata, il consigliere comunale Mimmo Tascarella espulso dal PD. • Serena Remi, ex segretaria Pd ha presentato ricorso al Comitato Provinciale dei Garanti contro il provvedimento di allontanamento dal partito. • SIENA. Sospensione dal partito per Giovanni Bazzini, Anna Gioia, Luca Guideri, Giancarlo Meacci, Lucio Pace, Alessandro Piccini e Gian Luca Ranieri. • BELLUNO. Il Pd “scomunica” Massaro e gli vieta di iscriversi. • MONDRAGONE. Sfiducia Cennami, espulsi dal Pd i tre consiglieri. • Il Pd passa ai fatti espulsioni ad Alessano. • SAN GIULIANO TERME, il Pd espelle dal partito due consiglieri comunali. • TERAMO. Le critiche scatenano l’epurazione. Espulso presidente comunale Pd. • EBOLI. Salvatore Marisei, Carmine Campagna, Antonio Petrone, Armando Cicalese, espulsi dal PD. • PDmenoL: Espulsi dal partito. Come nella migliore tradizione sovietica. E meno male per loro che qua non ci sono i gulag. Davide Bandini da SAN SECONDO e Rodolfo Marchini da BORGOTARO “Nei giorni scorsi abbiamo ricevuto il provvedimento di espulsione dal Pdl per aver violato l’art. 4 e 25 dello Statuto, ossia per esserci candidati nei nostri comuni in liste civiche diverse da quelle imposte dal Coordinatore provinciale, il Dr. Luigi Giuseppe Villani, e dal suo Vicario, il Dr. Massimo Moine  • CASTELLAMMARE DI STABIA: Comunicato stampa del consigliere comunale Antonio Carrillo: Sono costernato e affranto dalla decisione presa dal Presidente della sezione cittadina del PDL sig. Geremia Paragallo di espellermi ad horas dal circolo stabiese del mio partito. • L’espulsione dal partito di Giorgio Dragotto, Antonio Fortini, Francesco Levato, Ugo Taddeo e Giuseppe Magri (fondatori in Comune e Provincia del gruppo dei Liberi e Forti) va inevitabilmente a intrecciarsi con il dibattito su che fare di questo Pdl. • VERONA - “Il segretario politico nazionale, ai sensi dell’articolo 48 dello statuto del Popolo della libertà, ha sospeso in via immediata dall’attività politica del partito 14 esponenti politici locali della città di Verona che, ne i giorni scorsi, avevano esplicitamente annunciato la loro intenzione di voler costituire liste d’appoggio all’attuale sindaco di Verona Flavio Tosi. • BISCEGLIE - Consigliere comunale e provinciale Enzo Di Pierro espulso dalle cariche interne e privato della rappresentanza del PdL in seno agli organi istituzionali in cui è stato eletto.

Il “grande passo in avanti” della chiesa “moderna e rivoluzionaria” di papa Ciccio I consiste nell’approvazione, “a maggioranza semplice e non qualificata” di un testo in cui si sostiene che «Non esiste fondamento alcuno per assimilare o stabilire analogie, neppure remote, tra le unioni omosessuali e il disegno di Dio sul matrimonio e la famiglia». Però «Gli uomini e le donne con tendenze omosessuali devono essere accolti con rispetto e delicatezza». Cioè non si possono mandare più al rogo. Effettivamente è un “grande passo in avanti” rispetto alla santa Inquisizione.

Turtle twist!

Turtle twist!

scarligamerluss:

LIKE A BOSS

scarligamerluss:

LIKE A BOSS

lantigiornalista:

3nding:

Proviamo a sorvolare la definizione di Sistema Operativo data a cazzo (Zanichelli, 2014) a una piattaforma di votazioni online.
Supponiamo che ad oggi, ottobre 2014, io sia diventato un convinto sostenitore del M5S.
Supponiamo che io voglia partecipare attivamente alla vita del movimento, votazioni incluse.
Indovinate un pò?

Possono accedere solo le persone iscritte al portale del MoVimento 5 Stelle prima del 1 gennaio 2014 e con documento di identità già verificato.

Ma non mi dire.
Sipario.

Eh gia. C’è bisogno di inviare un documento e di aspettare i tempi tecnici per essere certificati. Questo è proprio inaccettabile. 

Lantigiornalista continui ad infierire senza un briciolo di empatia e compassione. Ci sono alcuni che per vedere riverginato a padre costituente un pregiudicato mafioso e piduista si son dovuti mettere in fila con i cinesi ed il Gabibbo e pagare pure due euro. E senza neanche attendere tutto quel tempo… 

lantigiornalista:

3nding:

Proviamo a sorvolare la definizione di Sistema Operativo data a cazzo (Zanichelli, 2014) a una piattaforma di votazioni online.

Supponiamo che ad oggi, ottobre 2014, io sia diventato un convinto sostenitore del M5S.

Supponiamo che io voglia partecipare attivamente alla vita del movimento, votazioni incluse.

Indovinate un pò?

Possono accedere solo le persone iscritte al portale del MoVimento 5 Stelle prima del 1 gennaio 2014 e con documento di identità già verificato.

Ma non mi dire.

Sipario.

Eh gia. C’è bisogno di inviare un documento e di aspettare i tempi tecnici per essere certificati. Questo è proprio inaccettabile. 

Lantigiornalista continui ad infierire senza un briciolo di empatia e compassione. Ci sono alcuni che per vedere riverginato a padre costituente un pregiudicato mafioso e piduista si son dovuti mettere in fila con i cinesi ed il Gabibbo e pagare pure due euro. E senza neanche attendere tutto quel tempo…